Pubblicazioni


SOLUZIONI OTTICHE

 

Gli occhi sono unici. Per questo realizziamo ogni giorno 1800 lenti su misura. Vieni a scegliere le tue. I nostri ottici optometristi ti aiuteranno a trovare le lenti giuste e a personalizzarle con trattamenti specifici per conciliare salute degli occhi e massimo comfort.

 

Per identificare la soluzione ottica più adeguata a ciascun soggetto è necessario conoscere il suo grado di acuità visiva. L’acuità visiva (o visus) è il potere risolutivo dell’occhio, ovvero fino a quanti metri di distanza da noi, il nostro occhio è in grado di percepire come immagini distinte due puntini od oggetti affiancati. La riga di lettere e/o numeri più piccola che il soggetto, sottoposto all’esame della vista, è in grado di leggere sull’ottotipo (tavola che riporta simboli o lettere di diversa grandezza) definisce la sua acuità visiva.

In Italia l’acuità visiva si misura in decimi. Il sistema visivo in realtà può arrivare ben oltre la soglia di 10/10, ma questo valore è preso come riferimento per descrivere una visione soggettivamente normale e accettabile (condizione di emmetropia). L’unità di misura della convergenza di un sistema ottico è detta “diottria”, ed equivale all’inverso della distanza focale compresa tra il centro ottico di una lente ed il punto di focalizzazione dei raggi incidenti. Possiamo anche definirla come entità della lente necessaria per correggere il difetto visivo preso in considerazione. Spesso, nel linguaggio comune, si utilizza in maniera inappropriata il termine “gradi” per descrivere le “diottrie”.


BENESSERE VISIVO

 

Il benessere visivo è molto importante per la vita di ogni giorno. L’85% delle informazioni che raccogliamo ogni giorno passa dai nostri occhi. Vederci bene significa cogliere appieno gli stimoli che riceviamo, e poter svolgere tutti i nostri compiti nel modo migliore. Gli occhi ricevono la luce riflessa dal mondo circostante. La luce colpisce la retina, parte posteriore interna dell’occhio, generando un’energia nervosa che arriva al cervello tramite i nervi ottici. Il messaggio passa attraverso il centro dell’esperienza che lo classifica e identifica.

Gli occhi sono responsabili della vista, uno dei cinque sensi. Il cervello, che elabora quanto si vede attraverso gli occhi, è responsabile della visione. La visione è un processo di interpretazione delle immagini percepite. Interpretazione che potrebbe anche essere detta conoscenza poiché crea un collegamento tra la percezione e le esperienze che sono fissate nella memoria. Le immagini e la memoria consentono di comprendere, conoscere, quello che gli occhi vedono. La vista e la visione contribuiscono quindi all’intelligenza dell’uomo.


DISTURBI DELLA VISTA

 

I disturbi della vista sono alterazioni della capacità visiva. Per comodità possono essere suddivisi in due macrocategorie: difetti visivi e patologie oculari. Per i difetti visivi (ametropie: miopia, astigmatismo, ipermetropia) è facile trovare una soluzione, come l’uso degli occhiali o delle lenti a contatto, o la chirurgia refrattiva: rimedi che arrivano a neutralizzare il difetto visivo permettendo a chi li usa di vedere bene. Nei Paesi in via di sviluppo anche disturbi della vista facilmente correggibili come le ametropie possono procurare difficoltà nella visione comportando nei casi più estremi uno stato di cecità dovuto al mancato uso di una soluzione ottica adeguata.

La prevenzione rende il problema molto meno grave nei paesi industrializzati. Per vivere bene è fondamentale poter vedere bene, e per determinare se si stanno sfruttando interamente le proprie capacità visive è consigliabile sottoporsi periodicamente ad un controllo dal medico oculista. In questo modo ci si difende dall’insorgere di problematiche più profonde come i disturbi da patologie oculari.